Chi non conosce Milo Manara alzi la mano. Io avevo visto qualche suo disegno, ma non sapevo moltissimo dell’ artista e, alla fine di questo percorso espositivo, sono rimasta affascinata dai suoi lavori.

Questa mostra, allestita nella splendida cornice di un palazzo del XV secolo, è un’occasione sia per gli appassionati, che avranno la possibilità di ripercorrere, come attraverso un viaggio, tutte le tappe della carriera di Manara, sia per chi è semplicemente curioso di scoprire il motivo per cui sia tanto conosciuto a livello mondiale.

Si tratta di una mostra Antologica che vanta un’esposizione di ben 130 opere divise in svariate sezioni: a ognuna di esse è dedicata una sala. Si spazia dalla produzione fumettistica all’illustrazione per la stampa, dal cinema alla pubblicità. Sono presenti tavole poco note al grande pubblico quali Un Fascio di Bombe e l’anteprima delle tavole del secondo volume del Caravaggio.

Non mancano di certo le tavole che testimoniano la collaborazione artistica di Milo Manara con Hugo Pratt, Alejandro Jodorowsky, Federico Fellini, la Marvel Comics e Neil Gaiman con il quale ha lavorato per la DC Comics. Da non dimenticare sono inoltre i lavori ad acquarello su Brigitte Bardot, realizzati nel 2016, le illustrazioni per la rivista francese LUI, quelle ispirate ai testi di Shakespeare e i disegni nati per celebrare i 250 anni dalla nascita di Mozart.

Una curiosità: è possibile scaricare l’app per smartphone ENTITI che consente di visualizzare alcune opere presenti all’interno della mostra avvalendosi della realtà aumentata.

 

ORARI DI APERTURA

mercoledì – lunedì: 10.00 – 19.00
Aperture festività: 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio
Chiuso il martedì

Per maggiori informazioni: Palazzo Pallavicini